Ricorsi

Da tangentopoli in poi sono diventati sempre più frequenti i ricorsi. Anzitutto quelli contro le sentenze dei tribunali. Anche oggi, ai tempi della prescrizione, che Draghi e soci hanno ribattezzato improcedibilità, il ricorso è la procedura più seguita da qualsiasi avvocato.

Anche molti di noi, pur non avendo pendenze penali, hanno imparato a fare ricorso contro una multa ritenuta ingiusta o una cartella esattoriale salata. In questi giorni si parla molto di quello contro il Green Pass.

Poi ci sono i ricorsi storici, che di solito, vengono promossi da  politici o personaggi in cerca del loro quarto d’ora di celebrità.

Un classico è la proposta di riaprire i bordelli del tempo che fu. Ogni volta se ne riparla e se ne discute come se fosse la prima volta.

Per non parlare delle proposte di abolire l’aborto, la pillola del giorno dopo o degli infiniti emendamenti al ddl Zan. Il sesso tira sempre.

Poi c’è un altro classico ricorso storico che, ogni tanto, ritorna, quello del nucleare. L’energia pulita e inesauribile che avrebbe dovuto liberarci dalla schiavitù del petrolio. Qualcuno ne vorrebbe costruire una in Lombardia.

Eppure non siamo ancora riusciti a completare lo smantellamento di quella di Caorso, a pochi chilometri dalle terre lombarde, e nemmeno quello delle altre tre centrali costruite sul suolo patrio.

Infatti continuiamo a pagarlo nella bolletta elettrica sotto la voce oneri di sistema.

Ma per qualcuno Chernobyl è solo una serie televisiva e Fukushima un film. Mentre i due referendum che hanno messo al bando le centrali forse erano giochi a premi.

I neo-nuclearisti sanno o dovrebbero sapere che non è così, ma contano sul fatto che molti  italiani hanno la memoria corta e quindi perché non tentare un ricorso?

Gemelli quasi diversi

Hanno lo stesso nome e più o meno la stessa età. Hanno partecipato entrambi ad un quiz televisivo.

Entrambi sono scarsi come imitatori: tempo fa uno si lanciava nell’imitazione del Duce mentre l’altro preferiva Fonzie.

Amano fare selfie con chiunque e smanettare sui social.

Una volta diventati segretari hanno portato il loro partito più a destra.

La loro autostima è alta, a volte esagerata. Amano il potere e lo esercitano con molto piacere.

Hanno un bisogno quasi fisico di essere al centro dell’attenzione, sotto la luce dei riflettori e davanti alle telecamere.

Nati per comandare, almeno secondo loro,  cercano di assumere il piglio decisionista del capo, quello che non deve chiedere mai.

Oltre che in sé stessi credono un po’ anche in Dio e nella Madonna. Infatti si dichiarano cattolici praticanti e nel loro pantheon personale mettono entrambi Giovanni Paolo II.

Adesso si ritrovano spesso insieme dalla stessa parte della barricata, di solito contro il governo di cui fanno parte. Come nel caso del ddl Zan e del reddito di cittadinanza. 

Ma qualche differenza comincia a venire alla luce. 

Matteo S., da quando se n’è andato dal Viminale, ha perso il piglio da capitano ed è spesso impegnato in veloci slalom tra posizioni e opinioni  diverse che cambia da un giorno all’altro, come una cravatta. 

Mentre Matteo R. è ancora assolutamente sicuro di sé. Basti pensare alla sicumera con cui si è lanciato contro il RDC con motivazioni che, probabilmente, hanno fatto rabbrividire i suoi colleghi.

Nessun politico, neppure l’altro Matteo, infatti, si sarebbe azzardato a dire che gli italiani devono soffrire e sudarsi il loro magro stipendio: Giusta punizione per non essere riusciti ad emulare Steve Jobs o Jeff Bezos. 

Un’affermazione scaccia-elettori che va decisamente contro la continua ricerca del consenso, la prima preoccupazione dei politici del nuovo millennio. 

Ma lui insiste perché l’importante è esserci, apparire, far in modo che si parli di lui. 

Probabilmente non ha ancora capito il motivo del suo incredibile e inatteso successo e del rapido declino che ne è seguito. 

Adesso cerca in ogni modo di sfuggire all’ irrilevanza, la sua paura più grande, che condivide con l’altro Matteo. Ma, come sostiene la psicanalisi, più si cerca di sfuggire al proprio destino e più gli si va incontro. 

Matteo S, invece, più tranquillo, probabilmente tornerà al Papeete a fare il DJ.

Parentesi

Il calcio non sembra più quello di una volta. Forse non è più l’oppio degli italiani. Certo, ci sono gli europei, la nostra nazionale sta andando avanti e gli ascolti sono buoni, ma niente di più.. Forse perché la squadra è inedita e negli ultimi vent’anni abbiamo subito un’overdose di calcio. Poco ci mancava che le partite si potessero vedere anche nell’oblò della lavatrice.

Ma anche le altre notizie che si affacciano sulle prime pagine dei giornali non sembrano aver suscitato molto interesse. Nemmeno il rifiuto di inginocchiarsi degli azzurri ha scatenato grandi discussioni e polemiche.

Poco prima, per un paio di giorni, l’argomento più gettonato era stato il sesso. Quello diverso, divergente, fuori dai canoni tradizionali. La nota sul ddl Zan del Vaticano, che si oppone in nome della sua dottrina morale, per altro poco seguita da parecchi preti e prelati, aveva acceso l’ennesimo fuoco di fila di polemiche su una legge che avrebbe dovuto esser approvata da almeno vent’anni. Ma anche questo argomento nelle conversazioni private non viene molto citato.

Per chi segue la politica lo scontro tra Conte e Grillo sulla dirigenza del l’ormai ex Movimento a Cinque Stelle sembrava un argomento di conversazione e discussione interessante, invece niente.

Per non parlare della telenovela tragica e poco comica dei vaccini che è stata ormai sepolta da uno spesso strato di polemiche, ordini e contrordini che ci hanno sfinito.

Infatti , adesso che è finalmente possibile incontrare di persona parenti, amici e conoscenti, ho notato che nessuno degli argomenti che ho citato tiene banco. Ognuno racconta le sue vicende personali, di lavoro o di salute.

Si parla di progetti per le vacanze o per l’immediato futuro. Qualcuno vorrebbe cambiare lavoro, qualcun altro vorrebbe cambiare vita andando in pensione. Poi c’é chi  vorrebbe cambiare macchina oppure casa e chi, addirittura, cambiare moglie. Ma questo, è un caso a parte.

Anche un amico da sempre appassionato di calcio parla d’altro. Gli ho chiesto come mai e lui mi ha risposto che, di solito. in occasione degli europei e dei mondiali, si apriva una parentesi e si viveva di solo calcio per un paio di settimane lasciando da parte i problemi quotidiani. Ma dopo una parentesi virale di un anno e mezzo si sente il bisogno di chiuderla questa lunga parentesi e non di aprirne un’altra.