Largo ai giovani

Tempo fa avevo letto un articolo dove si diceva che nel terzo millennio è in atto una guerra, combattuta con le armi dell’economia e delle leggi, che vede contrapporsi i vecchi e i giovani. 

I protagonisti sarebbero un gruppo, non meglio identificato, di anziani che detengono il potere . Invidiosi, rancorosi e anche un po’ sadici, farebbero di tutto per rendere la vita difficile ai giovani. 

Certo in Italia nel secolo scorso si parlava spesso di gerontocrazia, di politici che non volevano lasciare il posto ai giovani. 

Ma poi tangentopoli aveva rimescolato le carte facendo uscire di scena molti di loro. Quindi sono arrivati altri politici più giovani, che allora erano considerati il nuovo che avanzava. 

Trent’anni dopo tanto nuovi e tanto giovani non sono più, ma sono ancora al potere. Infatti anche l’età media dei componenti del nuovo governo è piuttosto alta e non sembrano intenzionati a cedere il posto ad altri più giovani.

Comunque non sembra che abbiano preso di mira i giovani  per questioni anagrafiche e generazionali. Questo è un governo di destra duro e puro che vede giovani come potenziali sovversivi. Soggetti pericolosi che potrebbero ribellarsi al nuovo ordine costituito.

Le manganellate alla Sapienza e il cosiddetto decreto anti rave sono segnali ben precisi in questo senso. 

Ma sotto traccia c’è  sempre la guerra dei ricchi contro i poveri che va avanti da decenni e che i ricchi hanno stravinto. 

Per questo, i figli dei poveri, dovranno accontentarsi di un’istruzione che non vada oltre la scuola dell’obbligo per poi  iniziare  lavori precari o di scarsa specializzazione.

Mentre gli altri i figli dei ricchi, che, notoriamente, sono più meritevoli dei poveri, avranno libero accesso all’università e alle professioni più prestigiose e remunerative.

Quindi largo ai giovani. Purché siano ricchi.

Guardie e ladri

Abrogazione del Testo unico delle disposizioni in materia di incandidabilità (Legge Severino) e di divieto di ricoprire cariche elettive e di Governo conseguenti a sentenze definitive di condanna per delitti non colposi.

Limitazione delle misure cautelari nel processo penale.

Separazione delle carriere dei magistrati.

Partecipazione dei membri laici a tutte le deliberazioni del Consiglio direttivo della Corte di cassazione e dei consigli giudiziari.

Abrogazione di norme in materia di elezioni dei componenti togati del Consiglio superiore della magistratura.

Questi quesiti vi ricordano qualcosa? Sicuramente vi sono famigliari visto che i concetti che esprimono li avete sentiti ripetere migliaia di volte negli ultimi 28 anni.

Nemmeno la pandemia è riuscita a metterli da parte. A farli tornare di attualità ci aveva pensato la ministra Cartabia con la sua riforma della giustizia che aveva suscitato l’ennesima ondata di polemiche. 

Tutto era cominciato all’inizio degli anni novanta con la  breve stagione di Tangentopoli in cui le guardie inseguivano i ladri. 

Ma poi, a poco a poco, la situazione si era invertita e i ladri avevano cominciato ad inseguire le guardie. 

Questi quesiti referendari, che dovremmo votare il 12 Giugno prossimo, promossi da Lega e Radicali con l’appoggio di Forza Italia, nel loro linguaggio legal-burocratico vorrebbero trasformare in legge questo semplice concetto, mettendo sotto il controllo del governo il potere giudiziario. 

Nonostante sia ormai fuori tempo massimo questo referendum e le sue finalità interessano ancora parecchio ad alcuni politici, anche se fino ad ora non ne hanno parlato molto. Forse contano sull’effetto sorpresa.

Infatti molti elettori entreranno nei seggi convinti di votare solo per l’elezione del sindaco e, invece, si ritroveranno in mano altre cinque schede con su scritte cinque domande formulate poco chiaramente. 

Potrebbero anche decidere di votare e magari di votare si?

Piuttosto improbabile. Così come improbabili sono i politici promotori e sostenitori del referendum.