Atto di Fedez

L’anno scorso il concertone del primo maggio era stato vissuto come  una raccolta delle ultime canzoni dal balcone visto che tre giorni dopo sarebbe finito il lockdown. Niente politica, niente polemiche, solo voglia di libertà.

Quest’anno, invece, pur essendo ancora in versione virale senza pubblico, è tornato a far discutere. Grazie a un certo Federico in arte Fedez,  Rapper iper tatuato e vittima, si fa per dire, del suo successo e di quello di sua moglie Chiara Ferragni.

Gusti discutibili, genitori discussi, ma, a quanto pare, in sintonia con  milioni di giovani follower. Ma ieri dal palco del concerto non si è limitato a postare un tweet. Lo ha letto davanti a milioni di spettatori di tutte le età.

Ha elencato una serie di accuse contro l’intoccabile Mario, lo ha chiamato così, contro certi leghisti che vorrebbero affossare il ddl Zan, contro i vertici Rai accusati di censura e addirittura contro il Vaticano accusato di aver investito nelle azioni di un’azienda che produce la cosiddetta pillola del giorno dopo. 

Oggi è sulle pagine di tutti i giornali in un carosello di polemiche che hanno spinto il PD a chiedere addirittura le dimissioni dei vertici Rai.

Ho ricevuto tante email e telefonate sull’argomento. Qualcuno ha suggerito che il PD dovrebbe candidare Fedez almeno a sindaco di Roma o in qualche altro ruolo. Porterebbe i voto dei giovani ad un partito nato vecchio. Ma un altro amico commentando questa affermazione ha detto che Letta non capirebbe. Secondo lui i ragazzi giocano ancora a pallone nei campetti dell’oratorio.

Primo Maggio 1963

Quell’anno Giovanni per andare nella piazza principale della città non dovette scendere dalla collina. Gli bastò percorrere tre o quattro chilometri sulla sua vecchia Bianchi verde per arrivare in piazza, in città.

Era la prima volta che vedeva tanta gente, tante bandiere, soprattutto rosse, la banda che suonava e i discorsi del sindaco e di alcuni sindacalisti. Al suo paese tutto si risolveva con il discorso del segretario della sezione del partito. Poi tutti a mangiare la torta fritta e il salume, come in una sagra. Un piccolo evento nella vita di un piccolo paese di campagna.

In mezzo a tutta quella folla di cittadini, invece, sentiva di far parte di qualcosa di più grande e importante. Si era iscritto da poco alla CGIL perché voleva essere al passo con i tempi che stavano cambiando rapidamente. Tuttavia per lui le cose non andavano molto bene. Era arrivato in città da meno di un anno era sposato e aveva un figlio in arrivo.

Aveva trovato lavoro in una ditta che produceva prodotti da forno. Lo avevano messo nel reparto di imbustaggio dei grissini, una mansione semplice e poco impegnativa, ma le sue mani da contadino faticavano a maneggiare quei sacchetti lisci e sottili. Lo stipendio poi bastava appena per l’affitto e le spese indispensabili. Quindi si era messo alla ricerca di un altro lavoro. Aveva bussato a tante porte ma nessuna si era aperta. Tuttavia quel giorno voleva godersi la festa e non pensare ai problemi di tutti i giorni.  

Girando per la piazza alla ricerca di qualche volto noto si imbatté nel sindacalista che aveva conosciuto, qualche settimana prima quando aveva preso la tessera. Anche lui era solo e si misero a parlare. Giovanni gli confidò le sue difficoltà lavorative e il sogno di un lavoro sicuro. Quello ci pensò su per qualche istante poi gli disse e che, forse, poteva aiutarlo. Gli spiegò che una certa ditta che si occupava della manutenzione dei parchi cittadini cercava un paio di addetti. In più quella ditta, nel giro di un anno sarebbe diventata comunale.

Giovanni si affrettò a spiegargli che veniva dalla campagna e quindi per lui occuparsi del verde sarebbe stata una cosa del tutto naturale. Lo disse con un tale entusiasmo che il sindacalista apprezzò e gli scrisse su un foglietto l’indirizzo e il nome della ditta e aggiunse che avrebbe dovuto presentarsi a suo nome.

Un mese dopo Giovanni, mio padre, fu assunto da quella ditta che, l’anno successivo, fu acquisita dal comune e lui ha lavorato in quella azienda fino alla pensione.

Da allora non è mai mancato ad una manifestazione del Primo Maggio, ma fra tutte solo una non scorderà mai: quella del  Primo Maggio1963.