Fausto e Carlo

I tempi cambiano, ma certi schemi informativi no. Anni fa uno dei modi per screditare la sinistra era quello di metterne in mostra l’indissolubile legame con il passato comunista, mostrando  qualcuno che in quel passato ancora viveva. Come, per esempio, Fausto Bertinotti. Era diventato ospite fisso di tutti i talk show dove con le sue idee datate e, a volte, provocatorie, veniva esibito come prova vivente del fatto che la sinistra era rimasta ai tempi dell’URSS.

Lui si divertiva un mondo, mentre la sinistra lanciata ormai verso il centro e anche più in la, giurava e spergiurava che avrebbe voluto togliere il rosso anche dai semafori e vietare la svolta a sinistra. Ma senza risultati apprezzabili.

Oggi Bertinotti è uscito di scena, ma c’è qualcuno che ha preso il suo posto sotto i riflettori. Certo, di lui si può dire tutto, ma non che sia comunista. Tuttavia ha fatto parte di un governo di centro sinistra, quello Gentiloni, e, quanto a sparate, non è secondo a nessuno. Inoltre le sue critiche sono dirette spesso al governo in carica e al PD, quindi viene esibito come colui che potrebbe scompigliare le carte del centro sinistra, sebbene finora le sue iniziative non abbiano avuto il benché minimo successo.

Ma lui Carlo Calenda, va avanti imperterrito. Infatti sta pensando di candidarsi a sindaco di Roma. La notizia è stata subito colta al volo da giornalisti e commentatori che hanno messo in evidenza la possibilità che il suo arrivo sulla scena metta in crisi il Pd che sta faticosamente cercando di mettere insieme una coalizione in grado di riconquistare il Campidoglio, ma senza ancora aver individuato un candidato.

E’ chiaro che nessuno vuole fare fine di Giachetti mandato alla guerra armato di arco e frecce e inevitabilmente travolto dalla Raggi. Quindi Calenda potrebbe ritrovarsi candidato unico del centro-sinistra. Intanto ha già ricevuto l’appoggio di Renzi. Una strana coppia che, ogni tanto, si forma, animata da grandi speranze, e poi scoppia. 

Anche Repubblica a quanto pare lo supporta. Un paio di giorni fa ha pubblicato un sondaggio sottoponendo ai lettori una serie di possibili candidati sindaci. Calenda ha sbaragliato la concorrenza: Peccato che tutti gli altri fossero del tutto sconosciuti ai più. Correndo da solo anche lui potrebbe vincere.

Ma solo non sarà. Il centro destra, intanto, sta preparando la contromossa, schierando un candidato a cui la notorietà è l’unica cosa che non manca. Gira voce, infatti, che lo sfidante potrebbe essere nientemeno che Massimo Giletti. Se in gioco non ci fosse il destino di una grande e complessa città come Roma la sfida fra i due contendenti sarebbe tutta da ridere.

Effetti collaterali

Alcuni turisti provenienti dalla Lombardia e dal Veneto, al loro arrivo alle isole Mauritius, sono stati invitati a rimanere in quarantena per un paio di settimane, oppure a tornare a casa.

Un brutto colpo per quelli che guardano con sospetto gli stranieri, in particolare quelli con la pelle scura, accusandoli di portare da noi malavita e malattie. La legge del contrappasso ha colpito ancora.

In quarantena sono finiti, loro malgrado, anche i politici. Ne soffrono soprattutto i due con l’ ego più grande che, probabilmente, mal sopportano di essere stati allontanati dalle prime pagine dei giornali da un organismo talmente piccolo che si può vedere solo al microscopio.

Sono passate in secondo piano anche le elezioni suppletive per un seggio al senato che si sono svolte a Napoli.

Ha vinto Sandro Ruotolo, l’ex cronista di fiducia di Michele Santoro, sostenuto da una coalizione di centro-sinistra. Se non ci fosse stato il virus in circolazione i vari talk show gli avrebbero dedicato almeno un paio di giorni di inutili chiacchiere.

Poco risalto ha avuto anche l’ennesima giravolta di Carlo Calenda.

Qualche mese fa era uscito dal PD. Poi aveva fondato un partito. Quindi aveva deciso di unirsi a +Europa. Ma poi aveva cambiato idea e voleva allearsi con Renzi in vista delle prossime elezioni di primavera. Ieri, invece, ha annunciato che, per l’occasione, intende allearsi con il PD.

Chissà se quelli del PD sono stati avvertiti.

Effetti collaterali di un’epidemia.