C’era una volta

C’era una volta il 25 Aprile. Era la festa di tutti tranne che dei fascisti che se ne stavano in fondo a destra a ricordare i bei tempi del Duce. Poi un tizio di Arcore ha pensato bene di farli uscire dal loro angoletto perché gli sarebbero serviti per vincere le elezioni e tutelare i suoi interessi.

Nelle sue televisioni cominciò così una campagna di revisionismo storico senza precedenti. La Resistenza fu ben presto ridotta a guerra civile, a derby tra fascisti e comunisti, come dichiarò il futuro DJ del Papeete nel 2018.

I partigiani da combattenti per la libertà diventarono feroci assassini assetati di sangue che uccidevano chiunque non la pensasse come loro. Dispiace ricordare che uno dei più accaniti sostenitori di questa tesi è stato Giampaolo Pansa, che raccontò decine e decine di crimini commessi dai partigiani rossi, però senza fare né nomi né cognomi, ma solo soprannomi.

Ancora oggi, ogni tanto, si sente ripetere che il Duce fece anche cose buone. Con il risultato che il 25 Aprile da festa di tutti è diventata una ricorrenza divisiva. Orribile espressione che rivela come l’antifascismo sia stato ridotto a semplice opinione da esprimere solo in presenza di un contraddittore con idee opposte. Per rispettare la par condicio, naturalmente.

Dopo due anni di pandemia e manifestazioni virtuali, sembrava difficile riuscire nel solito gioco di sminuire il significato della ricorrenza. Ma poi è arrivata la guerra e la censura.

Quindi non si possono avere dubbi sull’accostamento tra la resistenza e ucraina a quella italiana e non si possono esprimere idee pacifiste. Altrimenti si viene subito accusati di intelligenza col nemico.

A proposito di pacifisti ,ieri sui giornali più diffusi non c’era una riga sulla marcia di Assisi. La guerra deve continuare.

Festa in famiglia

IMG_1986

 

 

Se non fosse arrivato quel maledetto virus oggi ci sarebbero le piazze piene con tanta gente a cantare, ancora una volta, Bella ciao. Sarebbe stata un’occasione per dire un altro no al sovranismo arrembante. A chi lo scorso anno definì il 25 Aprile un derby tra fascisti e comunisti e a tutti quelli come lui.

Invece ci ha pensato il Covid a mettere all’angolo Salvini e i sovranisti e a risvegliare sentimenti che sembravano ormai sopiti.

Infatti oggi anche se le piazze sono vuote, tanti di noi apprezzano più che mai la libertà e la democrazia nate dalla resistenza quel giorno di 75 anni fa.

L’impossibilità di muoversi, di riunirsi, di discutere ci hanno fatto capire quanto siano importanti quei valori. Ormai sembravano solo parole fuori moda ma poi, di colpo, hanno riacquistato il loro pieno significato.

Chiusi in casa sogniamo la libertà che ci sembrava così scontata e banale ma non lo era affatto.

Cerchiamo di non dimenticarlo.

Buon 25 Aprile a tutti.