Smemorati

Secondo un diffuso luogo comune gli italiani hanno la memoria corta. Elettori o politici che siano. Infatti gli elettori tendono a dimenticare le malefatte dei politici. Mentre i politici non si ricordano mai le malefatte che loro stessi hanno commesso.

In questo giorni di malattia, ad esempio, i politici, nei loro discorsi, citano spesso i medici che rischiano la vita per salvarne altre. Lanciano lodi altisonanti a tutti gli operatori del SSN.
Si sono dimenticati i tagli che hanno fatto alla sanità pubblica favorendo sfacciatamente e, talvolta illegalmente, quella privata.

Non si ricordano nemmeno che quei medici dai quali adesso potrebbe dipendere la loro vita hanno atteso dieci anni per avere il rinnovo del contratto di lavoro.

Ma è tutta acqua passata. D’ora in poi per la sanità pubblica italiana cambierà tutto. Ci saranno nuove assunzioni, più posti letto, più soldi, ricchi premi e cotillons.

Hanno paura. Sanno che gli elettori perdonano, il virus no.

Buoni o cattivi?

Da tempo i politici per aumentare i consensi e il controllo sulle nostre vite spargono paura a piene mani, ma stavolta hanno paura anche loro.

Dopo aver cavalcato per anni la paura del terrorismo, le incertezze di una crisi economica ormai diventata cronica e le varie epidemie che si sono succedute siamo arrivati alla pandemia. A questo punto hanno capito, nonostante la loro scarsa perspicacia, che, questa volta, potrebbero rimetterci non solo la poltrona, ma anche la pelle.

La loro paura si è ormai trasformata in panico ,che li spinge a cercare un colpevole, quello che sta minacciando la loro intangibilità e sta facendo emergere i danni causato dalla politica messa in atto in campo sanitario. Ma il colpevole non è il carogna virus: Siamo noi cittadini che non rispettiamo le regole che ci hanno imposto.

Quindi da giorni minacciano ulteriori restrizioni alla nostra libertà già fortemente limitata. Qualcuno vorrebbe metterci tutti agli arresti domiciliari vietandoci persino l’ora d’aria. Stanno anche pensando di seguire i nostri spostamenti controllandoci i cellulari.

Noi assistiamo allibiti a questo continuo processo che ci vede sul banco degli imputati. A nostra difesa sosteniamo che, sicuramente, è stato difficile cambiare stile di vita da un giorno all’altro, ma la stragrande maggioranza di noi ha capito che il pericolo è reale e non lo sottovaluta. Basta entrare in un supermercato per vedere tante persone munite di mascherine e guanti che si guardano intorno sospettose cercando di mantenersi il più lontano possibile dagli altri.

Certo, per indole atavica, siamo insofferenti alle regole, specie se rigide, e sentendo continuamente appelli ossessivi e bollettini di guerra, proviamo un misto di paura e disagio. ma non siamo irresponsabili, specialmente se si tratta della nostra salute.
Ma per loro siamo e saremo sempre i cattivi.

Tranne che in campagna elettorale.

Il miracolo di Arlecchino

Conte

Lo avevano paragonato ad Arlecchino servitore di due padroni. Anche se non sembrava furbo e arguto come il personaggio messo in scena mille volte da Strehler.

Ma anche lui aveva due padroni ingombranti e prepotenti che lo usavano come prestanome con il compito di mediare tra posizioni spesso divergenti. Un lavoro che ha svolto con grande impegno.

Intanto, però, giorno dopo giorno, prendeva nota dei rospi che doveva ingoiare. Finché uno dei due padroni, quello più prepotente, ha fatto un passo falso. E lui si è sentito come quando, durante un processo, la difesa trova una falla nell’impianto accusatorio del PM e si è lanciato in una arringa feroce con cui ha fatto a pezzi il suo ex padrone.

Nel frattempo anche l’altro padroncino è caduto in disgrazia e adesso si è aggrappato all’unica poltrona che gli è rimasta come un naufrago ad un salvagente.

Così Conte, è entrato sempre più nella parte del presidente e, nello stesso tempo, senza farlo sapere in giro, si è trasferito sulla nave traballante, ma comunque ancora a galla, del PD.

Molti hanno riso, e qualcuno si è anche indignato, quando Zingaretti lo ha definito un punto di riferimento per la sinistra. Ma forse lo aveva detto ricordando quello che Napoleone chiedeva ad un generale prima di arruolarlo. Pare, infatti, che alla fine del colloquio fosse solito chiedere:” Lei è fortunato?”

I fatti, incredibilmente, potrebbero dare ragione al povero Zinga. In effetti Conte fortunato lo è, eccome. Non solo si è ritrovato ad assumere un ruolo che mai avrebbe immaginato di poter ricoprire, ma grazie anche ad un virus venuto da lontano sta scalando la classifica della popolarità.

Il suo tono rassicurante e pacato pare piaccia agli italiani. Soprattutto dopo la stagione di contrapposizione feroce che scivolava spesso nell’odio. Insomma sembra l’uomo giusto arrivato al momento giusto.

Conte ne è consapevole e sta ben attento a non fare un passo falso. Padre Pio, o chi per lui, gli ha fatto un grosso miracolo e lui sa benissimo che i miracoli non si ripetono.

Torneremo

IMG_0555

Torneremo a trovare amici e parenti. Torneremo a fare shopping, a frequentare i cinema, i teatri, i musei, i ristoranti.

Torneremo a parlare dell’ultimo film che abbiamo visto, a discutere dei finti ultimatum di Renzi, degli inutili proclami di Salvini e della devozione di Conte per la sua poltrona e per padre Pio.

Forse per un po’ guarderemo meno la televisione e faremo meno incursioni su internet visto che in questa quaresima ne abbiamo abusato.

Torneremo a godere delle piccole cose come una passeggiata in centro o in un parco, una cena al ristorante o un fine settimana al mare. Sarà bello tornare alla normalità, riprendere le nostre abitudini e dimenticare questo infausto periodo virale, lasciandoci alle spalle le paure.

Alcune, secondo certi filosofi e teologi, dovremmo sempre averle presenti, ma ci intristirebbero la vita e preferiamo metterle da parte.

Come diceva Troisi in “Non ci resta che piangere”.

Alla sera un frate girava per le strade del paese gridando:”Fratello ricordati che devi morire!” E lui rispondeva: ”Adesso me lo segno, cosi me lo ricordo”.

Le mani sulla pizza

Pizza

Ieri sera sono andato a mangiare una pizza con un paio di amici in un locale dove andiamo spesso. Il locale, solitamente pieno, era semi deserto.

Il titolare, che conosciamo da tempo, ci ha detto che da quando è arrivato il virus la clientela è molto diminuita. Loro si sono adeguati alle disposizioni del governo diminuendo i tavoli ed aumentando la distanza tra di essi. Non solo. Hanno anche abbassato i prezzi.

“Ma nonostante il nostro impegno e quello di Di Maio, ha detto il pizzaiolo, la clientela è sempre scarsa. Ce ne vorrebbero tanti come lui che invitassero qualcuno a mangiare un buona pizza, meglio se con le mani, in un locale pieno di gente “