Vendesi appartamento

A Marco quasi non sembrava vero. Dopo un anno e mezzo di ricerche aveva finalmente trovato una casa adatta alla sua famiglia. Erano in quattro e avevano bisogno di spazio. Quell’appartamento di 130 metri in una zona residenziale vicina al centro storico sembrava proprio l’ideale.

Non avrebbe mai pensato di poterselo permettere perché in quella zona i prezzi erano piuttosto alti.
Ma il prezzo proposto di poco superiore ai 1500 euro al metro trattabili era a portata di mutuo.

Prima di concludere l’acquisto  dell’appartamento avrebbe voluto rivederlo, poiché durante la prima visita non aveva potuto apprezzarne le dimensioni reali visto che era ancora pieno di mobili e cianfrusaglie, come se vi abitasse ancora qualcuno. Ma l’agente immobiliare gli aveva assicurato che era disabitato da tempo.

Intanto  Marco, moglie e figli avevano già deciso come utilizzare le varie stanze e quali modifiche erano necessarie per adeguare l’appartamento alle loro esigenze. Mancava solo da stabilire il prezzo finale con il proprietario. Ma l’agente immobiliare prese tempo spiegando che il proprietario era all’estero e che non sarebbe tornato prima di un paio di settimane. Che passarono in fretta, ma invano. Passò anche un’altra settimana, ma del proprietario ancora nessuna traccia. E nemmeno dell’agente immobiliare.

A questo punto Marco , preoccupato,andò a parlare con alcuni inquilini della casa. Tutti si stupirono della vendita dell’appartamento perché ci viveva una anziana signora che non aveva mai manifestato l’intenzione di vendere.

Comunque per saperne di più bussarono alla sua porta. Poco dopo apparve un’arzilla signora sugli ottanta. Confermò che aveva intenzione di rimanere a casa sua.

Marco, imbarazzato si scusò e si avviò verso l’uscita, ma la signora incuriosita lo invitò ad entrare in casa. Mentre gli preparava un caffè Marco si guardò intorno e tra le tante foto incorniciate sulla credenza ne vide una di un ragazzo che assomigliava molto all’agente immobiliare. Era il nipote della signora. Marco non ebbe il coraggio di dirglielo. Si limitò a spiegarle che aveva sentito dire che l’appartamento era in vendita, ma, evidentemente, erano voci infondate.

La signora gli raccontò che abitava li da più di cinquant’anni con il marito e due figli. Poi i figli se ne erano andati e suo marito era morto da un paio di anni. Da quando era rimasta sola, suo nipote e qualche parente ogni tanto le dicevano che quella era una casa troppo grande per una persona sola, ma lei un trasloco non l’avrebbe sopportato. E poi, in quella casa c’erano tutti i suoi ricordi.
Il nipotino poteva attendere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...